Novecento

Il declino di Torino Esposizioni

Viaggio malinconico dentro il complesso architettonico monumentale, purtroppo abbandonato, che ha attraversato il Novecento di Torino

Torino Esposizioni non è stato solo il “palazzo delle fiere” di Torino, ma un complesso architettonico monumentale sviluppatosi a partire dal 1911 lungo tutto il Novecento. Oggi quell’insieme magnifico di edifici, progettati, tra gli altri, da Ettore Sottsas senior e da Pier Luigi Nervi, giace in stato di semi abbandono, vittima dell’incuria e dei vandali.
Dell’enorme complesso lungo corso Massimo D’Azeglio sono stati utilizzati in tempi recenti, fino all’inizio dell’emergenza sanitaria, solo il Padiglione 1, occupato da aule universitarie, il Teatro Nuovo e il Padiglione 5, sotterraneo, usato come parcheggio tranne a cavallo delle feste invernali, quando diventa sede di “Natale in giostra”, tradizione in voga dal 1978.

Un viaggio malinconico e affascinante

Torino Storia ha avuto la possibilità di entrare nel complesso – in larga parte abbandonato – e ha realizzato un viaggio per testo e immagini, a tratti malinconico ma ricco di fascino. Passeggiando nelle imponenti architetture in cemento armato, che nei decenni passati hanno ospitato i saloni della Moda, della Tecnica e dell’Automobile, oltre a una miriade di altre manifestazioni, non si può non guardare ammirati gli intrecci degli archi sulle volte, la vastità degli spazi, la luce che penetra dalle finestre dell’abside di Nervi aperta sul parco del Valentino, le linee curve della rotonda, ieri ristorante con vista sul fiume, poi locale notturno, oggi in attesa, come tutto il complesso, di un progetto credibile per il futuro.

 

[L’articolo completo, con la storia di Torino Esposizioni, è contenuto nel n. 47 di Torino Storia, marzo 2020, in tutte le edicole di Torino e provincia o disponibile on line cliccando sulla miniatura a piè di pagina].

 

Fotografie di: Andrea Pellegrini


Questo articolo è pubblicato su:



Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Per maggiori informazioni o per negare il consenso all’uso dei cookie consulta la Privacy e Cookie Policy.